stefanopensotti.com logo

VEDIAMO QUELLO CHE CONOSCIAMO

VEDIAMO QUELLO CHE CONOSCIAMO
FOTOGRAFIAMO QUELLO CHE CONOSCIAMO

Un proverbio africano dice che lo straniero vede solo ciò che già conosce. Affermazione quanto mai vera nel caso di molti turisti-fotografi. Quante volte, nelle proiezioni di amici reduci da un viaggio in un paese “esotico”, abbiamo visto immagini di gente stracciata, vestita all'occidentale o seduta davanti alla televisione intenta a guardare onnipresenti telenovelas? Le fotografie che vediamo (e scattiamo) assomigliano molto di più a quelle viste sui cataloghi che abbiamo sfogliato prima di partire. Per dirla con Crawshaw e Urry, il turismo induce memoria e in un certo modo si appropria della memoria di altri. Così molte delle immagini che consumiamo visivamente sono in realtà il ricordo fissato nella memoria di altri che successivamente viene consumato da noi.
Marco Aime


Metropolitana e skyline a Meskel Square
Addis Ababa - Ethiopia 2019

Voie de degagement Nord a Nord Foire
Dakar - Senegal 2013

Ricevimento di Matrimonio
Addis Ababa - Etiopia 2014

010_MG_8905.jpgpensotti_senegal003.jpg011_MG_5346.jpg

COSA STO FOTOGRAFANDO?

COSA STO FOTOGRAFANDO?
PERCHÉ STO FOTOGRAFANDO?
PER CHI STO FOTOGRAFANDO?

Se queste tre domande avessero sempre una risposta, ci sarebbero molte meno immagini ma qualche buona fotografia in più.
CitAZIONE Gabriele Chiesa


L’avvento di internet e del digitale ci ha reso “tutti fotografi” ha permesso a tanti che prima di questa rivoluzione non sarebbero stati presi in considerazione, di sentirsi fotografi, autori di un numero inimmaginabile di immagini fruibili ovunque, una produzione inconsapevole e senza senso. Si fotografa senza più studiare, c’è la proliferazione di una fotografia istintiva che è una sorta di analfabetismo diffuso. Impossibile scrivere bene se non conosci la grammatica! Nonostante tutto questo "tutti" convinti di essere creativi e fare foto speciali: nel web, nei social, nei contest, c’è sempre qualcuno che prende gli scatti delle sue vacanze troppo sul serio. Solo in una parte molto ridotta della fotografia che si vede oggi su social web & media sharing si legge un progetto fotografico, un qualcosa che vale la pena di essere raccontato. Il più delle volte sembra di leggere soltanto una sorta di egocentrismo del fotografo: ho fatto una bella foto, quindi sono un bravo fotografo. Ed ancora: l'immaginario del "fotografo" è ormai saturo di inquadrature e soggetti che diventano modelli ideali per le sue fotografie. L’occhio si abitua al cliché: quel soggetto, quella composizione, quei colori. Si viaggia alla ricerca della "location", del luogo famoso, alla ricerca del punto di ripresa più gettonato sul web, sulla guida, sulla rivista. Così, inconsapevolmente, produciamo immagini ripetitive, simili tra loro, immagini noiose.La verità è che parole come creatività, individualità, talento e originalità non si applicano facilmente in un mondo dove chiunque scatta fotografie. La fotografia ha un senso quando trova soggetti davvero originali, quando è la narrazione della "propria, individuale percezione del mondo". La vera arte della fotocamera sta nello svelare qualcosa di nuovo, di personale, di rivelatorio.

WORKSHOP A CHEFCHAOUEN

WORKSHOP A CHEFCHAOUEN
1° EDIZIONE DAL 30 ott AL 4 nov 2017

Chefchaouen è conosciuta come la città blu, tutte le case della sua medina, muri, porte, finestre strade sono colorate di questa tonalità. Situata nella valle del Rif, la regione montuosa del Marocco settentrionale, sconosciuta in europa sino agli anni cinquanta, è tuttora un gioiello nascosto al turismo di massa. Piccole piazze, viottoli lastricati, luoghi di culto e case dipinte di blu con portoni in legno intagliato e cornici di maioliche. Chefchaouen è un piccolo gioiello architettonico dichiarato Patrimonio UNESCO dal 2010. Dal 30 Ottobre al 4 Novembre a Chefchaouen si è tenuto un mio workshop di fotografia, di reportage geografico. Ora è difficile dire se chi partecipa ad un workshop o ad un viaggio fotografico impara a fotografare, difficile precisare cosa e quanto. Di sicuro i tempi scelti per questa esperienza, la presenza di altri fotografi e quella di un Master sono gli strumenti necessari per interpretare il mondo in un modo diverso, per capire il soggetto, vedere la luce, imparare a muoversi nella scena, guidati dal fotografo docente e supportati dal gruppo, ma sempre in modo personale e seguendo le proprie emozioni. Perdersi a guardare è fondamentale, scriveva Mimmo Jodice, il lavoro di gruppo porta i singoli partecipanti a confrontasi con le scelte degli altri compagni dando forma ad un viaggio che contiene tanti viaggi, quelli dei singoli partecipanti, ognuno orientato dalla propria sensibilità e dalle proprie scelte verso la ricerca dello spirito del luogo. Ricerca, preparazione, attenzione per arrivare ad un lavoro caratterizzato da coerenza, contenuti, valore estetico ed originalità: qualità che permettono di raccontare persone, luoghi ed eventi, diventando reportage. In qualsiasi caso questo workshop ha confermato che Chefchaouen è quale meta ideale per shooting molto interessanti, e qui potete ammirare il reportage realizzato a più mani dai partecipanti al workshop: Rosalinda Fedrighini, Luisa Ricci, Marco Murruzzu, Roberto Pileri, Michele Partipilo, Pierfranco Ramone. Dopo questo scontato successo, considerata la bellezza di Chefchaouen e la facilità di girare per la sua medina, ho deciso di riproporre per Marzo 2018 una nuova edizione del workshop. Vi aspetto!

VEDI QUI LA NUOVA EDIZIONE DI MARZO 2018

chefchaouen_001.jpgchefchaouen_002.jpgchefchaouen_005.jpgchefchaouen_004.jpgchefchaouen_003.JPGchefchaouen_007.jpgchefchaouen_006.jpgchefchaouen_010.jpgchefchaouen_009.jpgchefchaouen_008.JPGchefchaouen_012.jpgchefchaouen_011.jpgchefchaouen_015.jpgchefchaouen_014.JPGchefchaouen_013.jpgchefchaouen_017.jpgchefchaouen_016.jpgchefchaouen_018.JPG

CORSI FOTOGRAFICI ... WORKSHOP FOTOGRAFICI %u2026 VIAGGI FOTOGRAFICI %u2026

CORSI FOTOGRAFICI ... WORKSHOP FOTOGRAFICI … VIAGGI FOTOGRAFICI …

Nelle tante giornate passate assieme ad altri fotografi abbiamo avuto avuto modo di interrogarci in merito alle tante proposte che negli ultimi anni vengono fatte alla “grande famiglia ” dei fotografi, innanzi tutto a chi le fotografie le fa per passione pura, ma anche a chi le fa, in un modo o nell’altro per lavoro. Mi permetto in queste poche righe di dare un modesto contributo per chiarire cosa sia possibile apprendere in un corso, in workshop o in un viaggio fotografico. Innanzi tutto le tre proposte sono caratterizzate da tre diverse logiche, da diverse metodologie e soluzioni “formative“ (e si, è di questo che si parla, di formazione), che hanno fini e obiettivi molto diversi.

Un CORSO FOTOGRAFICO è di norma centrato su di una serie di “lezioni frontali” che hanno l’obiettivo primario di trasferire semplicemente delle informazioni che “attengono alla materia fotografica”, storia, tecnica, composizione, stili etc etc…, ma poco interroga il partecipante in merito al reale “saper fare” fotografico. E’ una buona soluzione per il neofita, economica e rapida, ma serve più a rilevare le proprie lacune che ad aumentare le proprie capacità.

Diverso è partecipare ad un WORKSHOP FOTOGRAFICO dove l’accento è tutto posto sull'aspetto pratico, sul fare in un ambiente “protetto” dove le difficoltà da affrontare per raggiungere l’obiettivo posto siano superabili dai partecipanti. Un workshop non è un vero e proprio corso di fotografia in quanto gli allievi che vi partecipano hanno già delle sufficienti conoscenze di base, perchè hanno seguito un corso specifico o autodidatti, e sfruttano questa occasione per mettere in pratica quanto appreso e verificare il loro operato nel corso di specifici momenti d’aula e nell’analisi delle fotografie realizzate durante gli “shooting fotografici” che i partecipanti, guidati dal docente, vengono chiamati a fare durante il workshop.

Altra cosa ancora è partire per un VIAGGIO FOTOGRAFICO, più o meno lungo, accompagnati da un fotoreporter che si pone in prima persona l’obiettivo di realizzare uno o più reportage fotografici dai paesi visitati: farete un’esperienza unica ed impagabile, vi confronterete sul campo con un professionista al “lavoro”, scatterete nelle sue stesse condizioni operative confrontandovi con dei soggetti fotografici “molto originali”, sarete chiamati ad operare in prima persona, più dei colleghi che degli allievi del vostro fotografo-accompagnatore. Dovrete essere “fotograficamente autonomi” e dedicarvi alla vostra ricerca fotografica sapendo che solo a sera, forse, potrete riflettere con lui su quanto fatto in giornata e per prepararvi per il nuovo lavoro del giorno seguente. Questa scelta ovviamente comporta anche dei compromessi logistici in merito alle comodità del viaggiare, dei cambiamenti imprevedibili di programma, la necessità di condividere frammenti di vita con la gente del luogo. Sarà necessario un certo spirito d'adattamento e d'avventura, la capacità di abbandonarsi ai ritmi della realtà in cui si è ospiti alla ricerca di un’incontro vero, quel tipo di incontro di cui l’antropologo e scrittore Marco Aime parla in molti dei suoi libri. Un’esperienza meno “protetta” di un workshop, ma che può regalare una “vera” esperienza di viaggio in cui vedere aspetti normalmente negati dai viaggi “tutto compreso”.

Se poi parliamo di SPEDIZIONE FOTOGRAFICA la cosa è ancora diversa, di solito è il fotografo che accompagnerà il gruppo, di norma poche unità, che sceglie ed invita altri fotografi interessati al luogo per cui si parte. Nessuna data certa, non una proposta a catalogo di un Tour Operator, ma un programma che si realizza se incontra l’interesse di “quelle persone” che si ritiene siano veramente interessate al viaggio, non alla vacanza, e siano in grado di gestire gli imprevisti che si verificheranno. In questa situazione c’è poco tempo per briefing e lezioni sul campo, si va a fotografare! Bisogna essere “fotograficamente autonomi”, c’è la figura dell’accompagnatore, il fotografo, che ovviamente gestirà la logistica del viaggio, ma l’obbiettivo prioritario per lui, e per i suoi compagni, è quello di realizzare un degno lavoro fotografico. Se poi c’è tempo e non piove nella tenda ci sarà anche la possibilità di fare qualche ragionamento attorno alla fotografia, fatta e vista. Ovviamente dietro ad una SPEDIZIONE FOTOGRAFICA c’è sempre, ed è meglio che ci sia, la Direzione Tecnica di un Tour Operator che lascia carta bianca ad un fotografo di cui si fida.



© photo: Milena Cocco, Sonia Maggioni, Ivonne Cherubini, Luciano Caleffi, Roberto Leoni, Marco Carnovale, Antonio Porcelli, Olga Prokofjeva.

Se ti è piaciuto scrivimi, per saperne di più spensotti@alice.it

corsi_workshop_viaggi_001.jpgcorsi_workshop_viaggi_002.jpgcorsi_workshop_viaggi_003.jpgcorsi_workshop_viaggi_004.jpgcorsi_workshop_viaggi_005.jpgcorsi_workshop_viaggi_006.jpgcorsi_workshop_viaggi_007.jpgcorsi_workshop_viaggi_008.jpgcorsi_workshop_viaggi_009.jpgcorsi_workshop_viaggi_010.jpgcorsi_workshop_viaggi_011.jpgcorsi_workshop_viaggi_012.jpgcorsi_workshop_viaggi_013.jpgcorsi_workshop_viaggi_014.jpgcorsi_workshop_viaggi_015.jpgcorsi_workshop_viaggi_016.jpgcorsi_workshop_viaggi_017.jpgcorsi_workshop_viaggi_018.jpgcorsi_workshop_viaggi_019.jpgcorsi_workshop_viaggi_020.jpgcorsi_workshop_viaggi_021.jpgcorsi_workshop_viaggi_022.jpgcorsi_workshop_viaggi_023.jpgcorsi_workshop_viaggi_024.jpg

FOTOGRAFIA E VIAGGIO

FOTOGRAFIA E VIAGGIO

In ogni viaggio, piccolo o grande che sia, verso luoghi esotici od altri che ci sono più familiari, è racchiusa la preziosa occasione di godere di paesaggi naturali che si dischiudono dinnanzi a noi giorno dopo giorno, c’è la possibilità di conoscere le popolazioni incontrate durante il nostro andare, l’incontro con la loro cultura, si cela l’inebriante esperienza sensoriale di navigare tra colori e musiche, odori e sapori che giorno dopo giorno ci affascinano e diventano familiari. La fotografia ed il viaggio sono un binomio inscindibile, ma il racconto di un’esperienza di viaggio attraverso le immagini fotografiche non si esaurisce nella semplice scelta della tecnica da usare, dell’inquadratura, della luce o dell’obiettivo adatti, ma nell’esprimere di volta in volta un personale modo di vedere il mondo, un particolare stile attraverso il quale il fotografo rappresenta l’esperienza vissuta. Partecipare ad un workshop fotografico o ad un viaggio fotografico è un' esperienza molto stimolante, che permette di confrontarsi con altri fotografi e viaggiatori, un’esperienza indicata sia per fotografi principianti che per esperti, che abbiano il desiderio di condividere con altri passioni e conoscenze, di confrontarsi ed approfondire le proprie conoscenze ed apprenderne di nuove. Un’esperienza che regala il privilegio di fotografare in luoghi di assoluto interesse, di sviluppare ed affinare le proprie capacità visive e creative, di confrontare le proprie scelte visive con quelle degli altri.

© photo: Milena Cocco, Sonia Maggioni, Ivonne Cherubini, Luciano Caleffi, Roberto Leoni, Marco Carnovale, Antonio Porcelli, Olga Prokofjeva.

Se ti è piaciuto scrivimi, per saperne di più spensotti@alice.it

fotografia_e_viaggi_001.jpgfotografia_e_viaggi_002.jpgfotografia_e_viaggi_003.jpgfotografia_e_viaggi_004.jpgfotografia_e_viaggi_005.jpgfotografia_e_viaggi_006.jpgfotografia_e_viaggi_007.jpgfotografia_e_viaggi_008.jpgfotografia_e_viaggi_009.jpgfotografia_e_viaggi_010.jpgfotografia_e_viaggi_011.jpgfotografia_e_viaggi_012.jpgfotografia_e_viaggi_013.jpgfotografia_e_viaggi_014.jpgfotografia_e_viaggi_015.jpgfotografia_e_viaggi_016.jpgfotografia_e_viaggi_017.jpgfotografia_e_viaggi_018.jpgfotografia_e_viaggi_019.jpgfotografia_e_viaggi_020.jpg

FOTOGRAFANDO SI IMPARA

FOTOGRAFANDO SI IMPARA

Difficile dire se chi partecipa ad un workshop o ad un viaggio fotografico impara a fotografare, difficile precisare cosa e quanto. Di sicuro i tempi scelti per questa esperienza, la presenza di altri fotografi e quella di un professionista sono gli strumenti necessari per interpretare il mondo in un modo diverso, per capire il soggetto, vedere la luce, imparare a muoversi nella scena, guidati dal fotografo docente e supportati dal gruppo, ma sempre in modo personale e seguendo le proprie emozioni. Perdersi a guardare è fondamentale, scriveva Mimmo Jodice, il lavoro di gruppo porta i singoli partecipanti a confrontasi con le scelte degli altri compagni dando forma ad un viaggio che contiene tanti viaggi, quelli dei singoli partecipanti, ognuno orientato dalla propria sensibilità e dalle proprie scelte verso la ricerca dello spirito del luogo. Ricerca, preparazione, attenzione per arrivare ad un lavoro caratterizzato da coerenza, contenuti, valore estetico ed originalità: qualità che permettono di raccontare persone, luoghi ed eventi, diventando reportage.

© photo: una serie di reportage realizzati da alcuni dei partecipanti ai workshop che annualmento svolgo a Marrakesh

Se ti è piaciuto scrivimi, per saperne di più spensotti@alice.it

01_lorellaromiti_001.jpg01_lorellaromiti_002.JPG01_lorellaromiti_003.JPG01_lorellaromiti_004.JPG01_lorellaromiti_005.JPG01_lorellaromiti_006.JPG01_lorellaromiti_007.JPG01_lorellaromiti_008.JPG01_lorellaromiti_009.JPG01_lorellaromiti_010.JPG01_lorellaromiti_011.JPG01_lorellaromiti_012.JPG01_lorellaromiti_013.JPG01_lorellaromiti_014.JPG1.caravaggio_012.JPG1.caravaggio_001.JPG1.caravaggio_002.JPG1.caravaggio_003.JPG1.caravaggio_004.JPG1.caravaggio_005.JPG1.caravaggio_006.JPG1.caravaggio_008.JPG1.caravaggio_013.JPG1.caravaggio_014.JPG1.caravaggio_015.JPG1.caravaggio_018.JPG1.caravaggio_021.JPG1.caravaggio_022.JPG1.caravaggio_023.JPG1.caravaggio_025.JPG1.caravaggio_026.JPG1.caravaggio_027.JPG1.caravaggio_028.JPG2.BIANCHETTI_008.JPG2.BIANCHETTI_002.JPG2.BIANCHETTI_004.JPG2.BIANCHETTI_005.JPG2.BIANCHETTI_007.JPG2.BIANCHETTI_009.JPG2.BIANCHETTI_010.JPG2.BIANCHETTI_015.JPG2.BIANCHETTI_017.JPG2.BIANCHETTI_018.JPG2.BIANCHETTI_019.JPG2.BIANCHETTI_020.JPG2.BIANCHETTI_021.JPG2.BIANCHETTI_023.JPG2.BIANCHETTI_025.JPG2.BIANCHETTI_026.JPG2.BIANCHETTI_027.JPG2.BIANCHETTI_028.JPG2.BIANCHETTI_029.JPG2.BIANCHETTI_030.JPG2.BIANCHETTI_035.JPG2.BIANCHETTI_037.JPG2.BIANCHETTI__.JPG2.BIANCHETTI_041.JPG2.BIANCHETTI_043.JPG2.BIANCHETTI_045.JPG2.BIANCHETTI_047.JPG2.BIANCHETTI_048.JPG2.BIANCHETTI_052.JPG2.BIANCHETTI_053.JPG2.BIANCHETTI_054.JPG2.BIANCHETTI_056.JPG2.BIANCHETTI_059.JPG2.BIANCHETTI_061.JPG2.BIANCHETTI_062.JPG2.BIANCHETTI_063.JPG3.NICO_032.JPG3.NICO_001.JPG3.NICO_002.JPG3.NICO_003.JPG3.NICO_004.JPG3.NICO_005.JPG3.NICO_006.JPG3.NICO_007.JPG3.NICO_008.JPG3.NICO_009.JPG3.NICO_010.JPG3.NICO_011.JPG3.NICO_012.JPG3.NICO_013.JPG3.NICO_015.JPG3.NICO_018.JPG3.NICO_019.JPG3.NICO_020.JPG3.NICO_021.JPG3.NICO_023.JPG3.NICO_025.JPG3.NICO_026.JPG3.NICO_027.JPG3.NICO_028.JPG3.NICO_029.JPG3.NICO_030.JPG3.NICO_031.JPG05_annamaspero_001.jpg05_annamaspero_002.JPG05_annamaspero_003.JPG05_annamaspero_004.JPG05_annamaspero_005.JPG05_annamaspero_006.JPG05_annamaspero_007.JPG05_annamaspero_008.JPG05_annamaspero_009.JPG05_annamaspero_010.JPG05_annamaspero_011.JPG05_annamaspero_012.JPG05_annamaspero_013.JPG05_annamaspero_014.JPG05_annamaspero_015.JPG05_annamaspero_016.JPG09_riccardopanozzo_001.jpg09_riccardopanozzo_002.JPG09_riccardopanozzo_003.JPG09_riccardopanozzo_004.JPG09_riccardopanozzo_005.JPG09_riccardopanozzo_006.JPG09_riccardopanozzo_007.JPG09_riccardopanozzo_008.JPG09_riccardopanozzo_009.JPG09_riccardopanozzo_010.JPG09_riccardopanozzo_011.JPG

search

pages

Share
Link
https://www.stefanopensotti.com/news-d
CLOSE
loading